“Liberate padre Gigi Maccalli” MARCIA E VEGLIA DI PREGHIERA IN DUOMO sabato 17 novembre alle ore 21

Liberate padre Gigi Maccalli

MARCIA E VEGLIA DI PREGHIERA IN DUOMO

ideale sintesi di preghiera e un rinnovato impegno diocesano

su invito del Vescovo Daniele si terrà La MARCIA E VEGLIA  DI PREGHIERA DIOCESANA che avrà luogo sabato 17 novembre alle ore 21 con inizio dalla piazza del Duomo.

Quella di sabato 17 novembre sarà insieme una MARCIA e una VEGLIA di preghiera per ricordare, insieme al nostro padre Gigi Maccalli, tutte le persone che, come lui, sono state rapite e non più rilasciate a motivo del loro impegno di testimonianza del Vangelo.

Sarà un avvenimento DIOCESANO perché attorno al nostro Vescovo tutti i fedeli della diocesi di Crema si ritroveranno a pregare e nello stesso tempo a testimoniare per il primo e più fondamentale di tutti i diritti umani: la libertà.

Per questo il corteo sarà aperto da uno striscione che riporterà una scritta semplice quanto essenziale: liberate padre Gigi.

La Veglia sarà anche un modo per riconoscere il valore degli  incontri di preghiera e iniziative fino ad ora promossi in tante chiese del nostro territorio. Una per tutte quelle sostenute con fedeltà e generosità dalla parrocchia nativa di padre GigiMadignano.

Il percorso, che si snoderà nel centro della città, prevede delle tappe dove verranno ricordati, chiamati per nome, luogo e data di rapimento sacerdoti, religiose, religiosi, laici e laiche sequestrati e non ancora rilasciati, questo avrà lo scopo di tenere gli occhi bene aperti su una realtà che si fa di giorno in giorno sempre più preoccupante in ogni angolo del mondo.

Così le luci accese che sfileranno per le vie cittadine simboleggeranno la presenza viva in mezzo a noi di chi in questo momento si trova, nelle mani dei rapitori. Una fiamma per riscaldare i nostri cuori e per illuminare il buio di una situazione che sembra senza via d’uscita.

Il momento centrale sarà la PREGHIERA in Cattedrale, un’occasione per condividere tutti insieme il dolore per l’assenza di padre Gigi, ma anche per esprimere con umiltà e con fiducia il nostro affidarci alla misericordia di Dio, ben consapevoli che, senza di Lui, noi non possiamo nulla.

La proposta è di continuare con una staffetta questa profonda esperienza di unità affidando di mese in mese, di 17 in 17, ad un’altra parrocchia il compito di ricordare Padre Gigi, per vivere insieme il dono della speranza, fino a quando – speriamo presto – non sarà stato liberato.

            La Diocesi di Crema