Comunicato del Vescovo Daniele ai sacerdoti per l’emergenza ‘Coronavirus’

Il vescovo Daniele ha inviato ai sacerdoti della Diocesi il comunicato che riportiamo di seguito, in rapporto con la situazione creatasi per l’emergenza sanitaria del cosiddetto Coronavirus

AGGIORNAMENTI

II Comunicato del 23 febbraio 2020

Ai Rev.di Parroci e rettori di chiese
della Diocesi di Crema
Cari sacerdoti,
in linea con quanto deciso da altri Vescovi della Regione Lombarda, a partire dall’Arcivescovo metropolita mons. Delpini, in ragione dell’ordinanza emanata dal Presidente della Regione Lombardia, Attilio Fontana, di concerto con il Ministro della Salute, Roberto Speranza, “dispongo la sospensione delle Celebrazioni Eucaristiche con concorso di popolo a partire dall’orario vespertino di oggi domenica 23 febbraio 2020 e chiusura degli Oratori fino a data da definire a seguito dell’evolversi della situazione”. Nella giornata di domani, lunedì 24 febbraio, verranno fornite ulteriori indicazioni in merito alle celebrazioni liturgiche. Si spieghi ai fedeli che non hanno potuto partecipare oggi alla Messa che sono dispensati dall’osservanza del precetto domenicale, invitandoli alla preghiera personale e/o in famiglia.
+Daniele Gianotti, vescovo

 

I Comunicato del vescovo Daniele

Ai Rev.di Parroci e rettori di chiese
della Diocesi di Crema

Carissimi,
a seguito del pericolo di epidemia determinato dal c. d. Coronavirus, i Sindaci del Cre­masco, d’intesa con la Prefettura di Cremona e con la Regione, hanno emanato Ordinanze che riguardano la sospensione di manifestazioni pubbliche nei rispettivi territori comunali compresi nella nostra Diocesi. In linea generale, ci atterremo, anche per la vita delle nostre parrocchie, alle disposizioni date dalle autorità competenti, evitando inutili allarmismi.

Le Ordinanze emanate sino a oggi non riguardano le celebrazioni liturgiche, che quindi si potranno svolgere normalmente. Dopo essermi confrontato con i rappresentanti dei Sindaci e anche con i confratelli Vescovi di Lodi e di Cremona, dispongo, come misure precauzio­nali, quanto segue:

– le S. Messe domenicali e feriali e gli altri eventuali momenti di preghiera siano cele­brati secondo gli orari consueti;

– nelle S. Messe, si sospenda lo scambio del segno di pace (che, del resto, non è obbli­gatorio) e, senza imporlo, si consigli ai fedeli di ricevere la S. Comunione sulla mano, e non in bocca;

– si tolga l’acqua lustrale dalle acquasantiere.

Non è intenzione dei Sindaci chiedere la chiusura totale degli Oratori e dei Circoli. Fac­cio mia e trasmetto a voi, tuttavia, la loro indicazione di sospendere, all’interno degli Ora­tori, tutte le manifestazioni che possono creare assembramenti (come feste di compleanno o iniziative simili e in particolare, in questi giorni, le feste di Carnevale). È consigliabile anche la sospensione degli incontri di catechismo in questi giorni.

Naturalmente sarà mia premura tenervi informati di eventuali nuovi sviluppi e disposizioni che dovessero coinvolgere la vita delle nostre comunità.

Alle misure cautelari qui indicate aggiungiamo anche la nostra preghiera per gli amma­lati, per il personale sanitario e per tutti coloro che si stanno adoperando per far fronte a questa emergenza sanitaria. A tutti la mia benedizione.

Crema, 23 febbraio 2020

+Daniele Gianotti