“Come Gesù Cristo costretti a fuggire” Domenica 27 settembre Giornata del migrante e del rifugiato

Domenica  27 settembre la Chiesa celebra la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Il titolo scelto dal Santo Padre per il suo messaggio annuale è “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire” e si concentrerà sulla pastorale degli sfollati interni (IDP).

Dal 1914, La Chiesa ricorda, ogni anno, nell’ultima domenica di settembre, la Giornata Mondiale del Migrante e del Rifugiato. Quest’anno verrà celebrata il 27 settembre. Nel suo messaggio “Come Gesù Cristo, costretti a fuggire”, Papa Francesco dà voce alla drammatica situazione degli sfollati interni: uomini, donne e purtroppo anche bambini, costretti a vivere esperienze di abbandono, emarginazione e precarietà.  A causa di violenze, disastri naturali e guerre, molte persone, spesso intere famiglie, fuggono dalle proprie case, per trovare la salvezza, ma, rimanendo all’interno dei propri confini nazionali, il più delle volte non hanno accesso ad aiuti umanitari e all’assistenza. Sono tra le persone più vulnerabili al mondo, soprattutto in questo periodo di grande emergenza sanitaria.  Sono quasi 51 milioni gli sfollati al mondo. Si tratta del numero più alto degli ultimi 10 anni e purtroppo questo numero aumenta in modo costante.  La tragica condizione di sfollato e di profugo è stata sperimentata anche dal piccolo Gesù che insieme ai suoi genitori è fuggito in Egitto.  Tutti noi oggi siamo chiamati a vivere una sfida: il papa ci invita, infatti, a riconoscere   Gesù affamato, assetato, nudo, malato, forestiero e carcerato negli occhi degli sfollati.  Se lo riconosciamo – scrive il Papa nel suo messaggio – saremo noi a ringraziarlo per averlo potuto incontrare, amare e servire.

Cosa possiamo fare noi oggi?   Per «accogliere, proteggere, promuovere e integrare gli sfollati interni», papa Francesco ci suggerisce   sei coppie di verbi, che corrispondono ad azioni molto concrete: conoscere per comprendere, farsi prossimo per servire, ascoltare per riconciliarsi, condividere per crescere, coinvolgere per promuovere ed infine, collaborare per costruire.

Scarica messaggio di papa Francesco

Alcuni eventi diocesani al riguardo:

    Sabato 26 settembre Ore18    MESSA INTERNAZIONALE

Presiede mons. Franco AGNESI Vicario generale diocesi di Milano incaricato Migrantes vescovi lombardi.  Anima il Coro MULTIETNICO.

Domenica 27 settembre Ore16   COROELIKYA IN CONCERTO  

Canti dal mondo per conoscere, comprendere, apprezzare le ricchezze di chi viene da lontano.ingresso libero.

Entrambi gli eventi si svolgono sul Sagrato Chiesa Sacro Cuore Piazza Fulcheria – Crema Nuova

Verranno rispettare le norme anti Covid secondo il decreto legge 8 09 2020. n.111